Comunità “Ancilla Domini”

La nostra Comunità, appartenente alla Congregazione delle Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria, è presente nella parrocchia di S. Paolo Apostolo dal settembre 1983. Scopo della Comunità è collaborare con i sacerdoti nella realizzazione del Piano pastorale della comunità parrocchiale. Il dono carismatico ricevuto dallo Spirito attraverso Madre Giovanna, nostra fondatrice, è: vivere lo spirito del Cristo incarnato e Servo avendo un’attenzione speciale verso la donna incontrata nei diversi ambiti di vita.

Ognuna di noi, all’interno delle attività, del lavoro, delle varie proposte, si pone in un’ottica di promozione del femminile, proponendo uno stile di vita ispirato al dono di sé, alla gratuità e al servizio. Viviamo ed annunciamo Gesù, il Verbo incarnato e servo, mite ed umile di cuore attraverso varie attività.

La  lectio divina

suore_1

Gruppo della Lectio Divina

La Parola di Dio, accolta e meditata, ci interpella e ci aiuta ad ascoltare quello che Dio ci vuole dire nella vita personale, famigliare e comunitaria. Dio, attraverso le pagine bibliche parla ancora oggi all’uomo e gli chiede di rispondergli. Diceva il Cardinal Martini: “allorché un giovane capisce che le Scritture parlano di lui e a lui, si inizia quel dialogo che non si fermerà più, di cui si sentirà sempre nel profondo del cuore una grande nostalgia. La conoscenza di Gesù e del cristianesimo sarà solida, integrata, non appiccicata, e la persona diverrà essa stessa, in qualche modo, Parola di Dio per gli altri”.

suore_2

La “lectio divina” si tiene

Il venerdì pomeriggio alle ore 16,00

Il martedì sera alle ore 20,15

Collaborazione nell’animazione e nel coordinamento della Catechesi

suore_3Collaborazione nell’animazione della catechesi dei ragazzi e, solitamente, sr. Laura prepara giovani-adulti ai Sacramenti dell’Iniziazione cristiana.

Un’esperienza particolare

Dallo scorso anno incontra, durante l’orario di catechismo, le mamme che accompagnano i figli e che li aspettano per riportarli a casa. E’ un’esperienza significativa e bella. È un modo per conoscerci vicendevolmente e, in qualche caso, per riavvicinarsi al Signore e alla Parrocchia. Evangelizzando i genitori e aiutandoli a sentirsi parte viva della comunità cristiana, indirettamente si aiutano anche i ragazzi perché sono papà e mamma i primi educatori dei figli. Infatti la storia ci insegna che senza l’accompagnamento della famiglia, assai difficilmente la catechesi parrocchiale viene interiorizzata dal ragazzo, perché è condizionato dai valori o disvalori comunicati, anche se inconsapevolmente, dai genitori.

Visita alle famiglie e ministero della consolazionesuore_4

Come altri ministri della comunione, portiamo l’Eucaristia agli anziani e ammalati e, per quanto ci è possibile, andiamo a far loro visita. Gesù vuole entrare nelle case per seminare fiducia e consolazione anche per mezzo nostro. Visitando gli infermi, ascoltandoli, mostrando comprensione, si impara la tenerezza di Gesù e si mostra il Cuore materno di Maria.  In questo servizio è più il bene che riceviamo che quello che doniamo. Queste visite danno a noi suore l’occasione di incontrare le famiglie, che pure hanno bisogno di comprensione per il loro sacrificio nella cura dell’anziano e dell’ammalato. Talvolta diventa anche occasione di evangelizzazione e con gli altri ministri dell’Eucarestia e con i volontari, siamo di collegamento tra le famiglie degli  ammalati e la Parrocchia.

Banco alimentare

Ha un’attenzione particolare verso le famiglie in difficoltà economica attraverso la distribuzione mensile degli alimenti (banco alimentare). E’ un servizio che richiede spirito di accoglienza, di rispetto per le persone, superamento del pregiudizio, capacità di valutazione delle situazioni. E’ un servizio che si svolge in collaborazione con un gruppo di laici.