Clogo bet josephoordinato da sr. Beatrice, nasce dall’impegno di evangelizzazione-carità e dalla riflessione delle Suore Orsoline insieme ad un gruppo di laiche/i. Provocati dall’invito pressante di Papa Francesco per una Chiesa in uscita “sognano” un futuro di fraternità, di solidarietà, di pienezza e decidono di inserirsi negli ambienti di vita dove più forte è il disagio, la povertà culturale, relazionale ed economica, per scoprirne le risorse e orientarle verso dinamiche positive di trasformazione e di vita, fino ad arrivare ad una fraternità evangelica. L’interesse maggiore è la famiglia e, in essa, in particolare l’attenzione è verso la donna e le giovani generazioni a rischio di emarginazione. Le scelte di servizio sono fatte alla luce del Vangelo come incarnazione dell’amore e di autentica libertà.

Le attività

Le attività del CENTRO DI INTEGRAZIONE SOCIO-CULTURALE Bet Joseph, pur differenziandosi tra di loro negli obiettivi specifici e nelle modalità di realizzazione, sono tutte collegate, alcune interdipendenti.

Intervento di tipo pastorale-caritativo

L’impegno riguarda in particolare la Zona Trafinello. Tramite costanti visite alle famiglie, si sono creati rapporti di fiducia con le mamme del quartiere e con i loro figli. In questa zona sta diventando una tradizione la realizzazione di alcune iniziative:

In quaresima: La Via Crucis itinerante

bet 1

Nel mese di maggio: il Rosario itinerante

bet 2

Attraverso queste iniziative si avvicinano e si conoscono molte famiglie e si creano tra loro “rapporti di vicinato”. Ciò rientra negli obiettivi dell’intervento in zona: passare da relazioni marcatamente individualistiche, molto spesso caratterizzate da una forte rivalità, a relazioni improntate all’accoglienza e alla fraternità. È una meta molto alta, ma siamo anche convinti che la “Chiesa in uscita” deve raggiungere queste realtà periferiche che sono ai margini in tutti i sensi e abitate, per vari motivi, da realtà marginalizzate.

Abbiamo sempre cercato di trovare un luogo che, nella zona, ci permettesse di iniziare delle piccole attività nelle quali coinvolgere i minori e le famiglie della zona stessa. In questa prospettiva un piccolo frutto è maturato: nel settembre 2015 una famiglia ha messo a disposizione il proprio garage per eventuali attività da svolgere in zona. Così abbiamo iniziato ad incontrare un piccolo gruppo di bambini che hanno aderito al nostro invito e con loro abbiamo iniziato delle attività.

Natale 2015

bet 4 bet 3

Ogni bambino ha realizzato (con materiale povero) un presepe. Li aiutano Giovanna e Gisella e un artigiano. Ogni lunedì alle ore 18 si ritrovano ad accompagnare l’impegno dei bambini … e questo è il frutto finale!!! che Don Pino ha benedetto alla presenza dei genitori.

bet 5

Ad ognuno viene consegnato il proprio presepe che si porterà a casa … e  alla fine non può mancare una piccola festa con foto ufficiale.

Pasqua 2016

bet 6 bet 7

Realizzazione di un cestino pasquale con dentro un uovo dipinto da loro, degli ovetti di cioccolata e una “misericordina” per i genitori, con piccola rappresentazione sacra prima della consegna del cestino e della festa.

La costruzione del lavoretto e la rappresentazione sacra, sono strumenti semplici e diretti per far conoscere Gesù coinvolgendo i bambini ed è un’opportunità per avvicinare le famiglie.

Maggio mariano 2016

In contemporanea al rosario itinerante i bambini realizzano un capitello mariano. Il mese di maggio si chiude con la S. Messa celebrata da don Francesco. I bambini entrano processionalmente portando il proprio capitello. Sono presenti le famiglie dei bambini e i volontari di Bet Joseph. Alla fine della S. Messa viene consegnato ad ogni bambino il proprio capitello benedetto.

bet 8 bet 9 bet 10

Questo tipo di intervento “in zona” richiede tempi lunghi, costanza nelle proposte, attenzione e una grande capacità di relazionarsi anche con le situazioni problematiche. Il nostro obiettivo è quello di far emergere dalle persone le loro potenzialità per mettere in atto dinamiche positive e vitali in maniera da modificare positivamente la situazione dell’ambiente fino ad arrivare a relazioni improntate ad uno stile di fraternità evangelica.

Doposcuola

E’ iniziato nel gennaio del 2014 come risposta ai bisogni rilevati. L’attività del doposcuola si svolge dal  lunedì al venerdì pomeriggio ed è un servizio offerto per alunni delle scuole elementari e medie. Insegnanti, in pensione o che ancora esercitano, giovani studenti e/o giovani appena diplomati offrono un po’ del loro tempo in questo prezioso servizio.

bet 11

All’interno di questa attività si seguono i ragazzi guardando a tutta  la loro persona: non solo allo studio, ma anche ai loro interessi, le loro preoccupazioni, le loro paure, i loro desideri e sogni.  Cerchiamo che il cammino che stanno facendo con noi sia un percorso educativo fatto di relazioni e di attività, di possibilità di espressione. Proponiamo quindi anche altre attività e momenti diversificati, perché spesso la difficoltà di apprendimento è dovuto anche ad altri tipi di difficoltà.

bet 12

La “merendina” e le “coccole” due momenti importanti di socializzazione.

bet 13

Il corso base di inglese:

bet 14

Allargando lo sguardo della mente, si allargano anche le capacità di apprendimento scolastico.

Per questo sono state realizzate delle attività particolari durante l’anno 2015-2016:

  • delle lezioni di PILATES tenute da un’insegnante professionista, per aiutare i ragazzi a prendere contatto con il proprio corpo e correggere eventuali vizi posturali.
  • Il progetto:  “Nutrire la mente” legato alla realizzazione dell’ORTO SINERGICO che ha come obiettivo:
    • Partecipare al ciclo della natura in senso lato e laboratoriale (seminare, nutrire, crescere, potare, raccogliere) per creare punti di riflessione con il ciclo della vita di una persona.
    • Riflettere sull’unità uomo-natura e sull’interdipendenza corpo-mente.
    • Aumentare la consapevolezza di cosa e come mangiamo come fattore costitutivo della nostra salute psico-fisica.
    • Imparare a rispettare, ad amare e a prendersi cura della Madre Terra e a percepirla come dono di Dio.

Laboratorio artigianale di lavori femminili

Il laboratorio di arti femminili, nasce nel 2014 con lo scopo di aggregare donne che vivono particolari situazioni di solitudine e che desiderano stare insieme in un ambiente sereno e fraterno. L’intento principale è lo stare insieme realizzando lavori femminili, cucito, ricamo, uncinetto, lavori a maglia, ecc. ecc… E’ un contesto operoso e sereno dove la persona si sente accolta e dove può condividere gioie e fatiche quotidiane e situazioni particolari.

bet 15 bet 16

creatività abilità riciclo di materiali usati perché nulla vada perduto.

All’interno del gruppo c’è un clima di benessere e di fraternità: in cui si vive il mutuo aiuto, l’interesse reciproco, l’accoglienza e la valorizzazione delle capacità di ogni persona.

Il Centro di ascolto

E’ situato all’interno della struttura di via Cimarosa. In esso operano uno Psicologo e un Assistente sociale.

E’ aperto ogni mercoledì mattina dalle ore 10,00 alle 12,00

bet 17